CoachMag n.35 – Le migliori domande potenti

0

MIGLIORI DOMANDE POTENTI Le migliori domande potenti per condurre la tua sessione di Coaching: a questo tema di fondamentale importanza sono dedicate le pagine di questo numero della rivista.

L’arte di fare domande è uno degli strumenti fondamentali di ogni Coaching che accompagni con efficacia il Coachee (cliente di Coaching) a quel punto di svolta che più lo avvicina al suo obiettivo.

Ma come porre le “giuste” domande al momento “giusto”? Come formularle in una modalità talmente, oserei dire, magica, da riuscire a spalancare le porte ancora chiuse nella mente e nel cuore dei nostri clienti?

Le domande potenti sono catene di parole i cui effetti possono essere dirompenti: come dirompente può essere l’ascolto di una storia di grande ispirazione, la storia di chi ce l’ha fatta, di chi ha infranto limiti che pareva impossibile superare.

Lo Storytelling è un altro strumento vincente nella cassetta degli attrezzi di ogni Formatore e di ogni Coach: per questo, a storie vere, di grande ispirazione, che ciascuno di noi dovrebbe conoscere per dare ancora più concretezza e valore al proprio lavoro, è dedicata la nuova rubrica che inauguriamo con gioia in questo numero di CoachMag.

“EveryDay Hero: lo Storytelling per i Coach”, rubrica affidata alla penna ispirata di Giuseppe Montanari, Mental Coach e Responsabile Marketing di EKIS – The Coaching Company, ci racconterà la Storia di persone normali, che di straordinario avevano una sola cosa: la loro volontà di ferro e grazie a questa hanno vinto.

Così come straordinaria è la storia di Louise Hay, una delle più importanti autrici di Self Help del nostro tempo, che il 30 agosto 2017 ha lasciato il corpo per tornare “a casa”.

La redazione di CoachMag desidera renderle omaggio su queste pagine con uno Speciale, perché il messaggio e il Coaching di Louise parli direttamente al cuore dei nostri lettori e li scaldi con la sua preziosa luce.

Abbiamo preso con tutti voi l’impegno di offrirvi, in ogni nuovo numero della rivista, contenuti sempre aggiornati, utili e funzionali per far salire al livello superiore le vostre competenze come Formatori e come Coach.

Teniamo fede a questo impegno con amore, ispirati anche da modelli come Louise Hay ha saputo essere per tutti noi.

Vi affido, cari lettori, un numero di CoachMag che è un vero vademecum pronto all’uso, per ogni Coach e Formatore che desideri allenare la propria abilità professionale, sperimentando nuovi confini e nuove abilità linguistiche, con cuore-pancia-cervello sempre uniti e in allineamento tra loro.

Il vostro direttore,

Natascia Pane

INDICE

Diventare Coach: Powerful questions, di Pier Paolo Colasanti; La cassetta degli attrezzi: Tool one Coaching, di Alfredo Molgora; Il lato oscuro del Coaching: La malattia professionale dei Coach, di Luca Berni;

Spiritualità: il Coach maestro di se stesso: Le domande ci informano, di Lucia Merico; Il Personal Branding del Coach: Le domande che il tuo coachee non ti farà (ma tu dovrai cogliere) e quelle che tu potrai fargli, per farlo lavorare sul suo (ma vale anche per il tuo) personal branding, di Serenella Panaro; Sulle spalle dei Giganti: Il gigante, Stephen Gilligan, di Marco Valerio Ricci; Speciale Louise Hay;

Everyday Hero: Una straordinaria normalità: la storia di Roger Bannister, di Giuseppe Montanari; Il Formatore Eccellente: Lo statuto del Formatore eccellente, di Max Formisano; Silenzio! Parla il corpo: Il linguaggio del corpo di Anthony Robbins, di Francesco Di Fant; Indossa il tuo obiettivo: In sessione con Oprah Winfrey, di Elisa Scagnetti; Le parole del Coaching: La domanda (bis), di Mattia Rossi; Scuole di Coaching, #IlCoachingInDiretta, Libri in gocceAgenda eventi.

COME ACQUISTARE

Cliccando questo link ti troverai nella pagina corrispondente del nostro Shop, dove ordinare la tua copia della rivista dal focus ” Le migliori domande potenti” nella modalità preferita (digitale o cartacea+digitale).

Rimani sempre aggiornato sul mondo del Coaching seguendoci sui nostri social: Facebook e Instagram e Twitter

Share.

Leave A Reply