INCHIESTE. Scuole di Coaching: tutto ciò che c’è da sapere

5

Queste righe della prima Inchiesta di CoachMag nascono in treno.
È il movimento di un viaggio che non si arresta mai, a dare la spinta per iniziare davvero.

La nostra prima inchiesta è dedicata al vasto, poliedrico, spesso confuso panorama italiano delle Scuole di Coaching.
Di che cosa ci siamo accorti, in questi ultimi anni di assidua frequentazione di questo nostro ambito? Che, giorno dopo giorno, incontriamo un numero sempre più alto di professionisti del Coaching. E questo perché, giorno dopo giorno, il numero dei coach aumenta.

Esponenzialmente. E tanto.
Troppo?

Domande, queste, che sono nella mente di molti. Colleghi, a volte competitors tra loro, altre volte semplici compagni di viaggio.
E se quella del coach sembra una professione che sempre più affascina, abbiamo iniziato a chiederci se eserciti questa potente influenza più sulle persone che del Coaching usufruiscono in qualità di servizio (dunque i coachee: individui e organizzazioni), piuttosto che su quelle che coach… desiderano diventarlo.

Uno dei percorsi (non l’unico) più classici per dirsi coach è appunto quello di frequentare una scuola a questo dedicata. E la prima inchiesta di CoachMag potrebbe così chiamarsi: ‘le scuole di Coaching, tutto ciò che c’è da sapere’. E, potremmo aggiungere, ‘che non avete mai osato chiedere’.

CoachMag, che è la rivista del Coaching in Italia, si apre dunque al grande valore, onore e onere insieme, del suo essere a pieno titolo una testata giornalistica.
E, in virtù di questo, osa chiedere.

Stiamo contattato tutte le Scuole di Coaching esistenti in Italia, e che si dichiarino tali. Tutte le scuole che propongano corsi, e abbiano al loro attivo degli allievi. Contattate una per una per annunciare il loro essere protagoniste di questa ‘rubrica speciale’ delle nostre pagine. Il nostro intento è la creazione del primo e più completo database ragionato italiano, nel quale chiunque si avvicini al Coaching, per passione, approfondimento o lavoro, possa trovare un punto di riferimento preciso, chiaro, neutro e sempre aggiornato. Ve le presenteremo tutte, nessuna esclusa, e sarà a voi lettori lasciato il giusto discernimento, il giudizio di valore che vedrete emergere dalle note su ciascuna.

Potrebbe, in alcuni tratti e per alcuni, tramutarsi la nostra in un’Inchiesta che ‘disturba’. Lo mettiamo in conto e, un po’, lo prevediamo. Certo è che, finora, le scuole contattate da noi personalmente hanno accolto la notizia con un caloroso: ‘finalmente!’.
Confidiamo che questo nostro impegno possa portare del bene a voi, e al Coaching.

Ben arrivate, dunque, Inchieste: ora c’è spazio per voi.

Share.

5 commenti

  1. Complimenti a CoachMag per questa iniziativa sfidante ma di valore: creare un DataBase non è di per sè difficile, lo diventa se lo si vuol far diventare ragionato soprattutto in un ambito come il coaching. Grazie Natascia

Leave A Reply